Lug02

 ESTATE 2017

Prezzi per persona, camera doppia, incluso e-bike room e lavaggio indumenti bike

dal 24 Giugno al 29 Luglio (domenica – venerdì)

2 giorni in Camera e colazioni con una cena alla carta + 2 giorni E-bike LaPierre AM 500 (o equivalente)

185 €

dal 24 Giugno al 29 Luglio (venerdì – domenica)

2 giorni in Camera e colazioni con una cena alla carta + 2 giornI E-bike LaPierre AM 500 (o equivalente)

200 €

dal 24 Giugno al 29 Luglio

7 giorni in Camera e colazioni con una cena alla carta + 6 giorni E-bike LaPierre AM 500 (o equivalente)

560 €

dal 29 Luglio al 19 Agosto

2 giorni in Camera e colazioni con una cena alla carta + 2 giorni E-bike LaPierre AM 500 (o equivalente)

230 €

dal 29 Luglio al 19 Agosto

7 giorni in Camera e colazioni con una cena alla carta + 6 giorni E-bike LaPierre AM 500 (o equivalente)

660€

Noleggio E-BIKE LaPierre AM 500 (o equivalente)

1/2 Giornata – Giornata Intera

25 € – 45 €

 

Vista panoramica dal Monte Cucco

 

 

Le Marche: Amore Passione e Dedizione per il territorio.

La Colombaia offre  tour per appassionati di mountain bike e ciclisti nella splendida zona in bicicletta attorno al Parco della Rossa e Frasassi, Monte Catria, Monte Cucco al centro delle Marche.

 

Preparazione MTB in piscina
Foto: Roberto R. che si allena in piscina per dare il massimo in MTB

Se abbiamo poco tempo e dobbiamo rimanere vicino a casa, ottima alternativa è la piscina. Il nuoto permette di utilizzare la muscolatura del corpo al 100%, fattore fondamentale per tenere allenata anche la parte superiore dell’organismo, importantissima soprattutto in MTB. Pensate a quante volte sia in salita che in discesa l’avantreno va letteralmente “dominato” e serve la giusta forza e coordinazione.
Altra possibilità, considerando le corte giornate invernali, alla sera è quella di andare in palestra. Cerchiamo di evitare schede da body builder, meglio scegliere un percorso di tonificazione e resistenza. Non bisogna puntare solo alla “massa muscolare”, rischiamo poi di trovarci delle gambe “imballate” e dure da far girare quando risaliamo in sella.

L'importanza delle gambe nella preparazione MTB
L’esplosività delle gambe è fondamentale in salita

Estremamente importante è la trasformazione: al termine degli esercizi è sempre meglio fare una mezz’oretta di cyclette per “trasformare” le ripetizioni fatte, ad esempio sulla pressa, nel gesto della pedalata.

La preparazione MTB mentale

Non dimentichiamoci poi che non c’è solo il corpo da tenere allenato, ma anche la mente. Soprattutto nelle competizioni la giusta concentrazione e il sapersi gestire hanno un ruolo fondamentale per potersi esprimere al meglio ed essere performanti sino alla fine della gara.
Perché non pensare a un corso di yoga?

L’allenamento in officina, per noi e per la MTB

Nelle competizioni non è solo il corpo che può fare la differenza, ma anche la bicicletta, la nostra amata MTB. Approfittiamo allora di questo periodo di transizione per sistemare i guai meccanici, montare qualche componente nuovo cercando di alleggerire il peso della bici, ottimizzare la propria postura in sella cambiando alcuni componenti (come ad esempio l’inclinazione dell’attacco manubrio o la larghezza del manubrio stesso), una sella più confortevole ecc.
Oppure, finché non c’è l’assillo delle gare possiamo sperimentare nuovi componenti, come per esempio la trasmissione monocorona, XX1 oppure X01 per citare due nomi su tutti.
Al di là di quello che sentiamo dire o leggiamo sui giornali è estremamente importante testare di persona, ogni modifica è soggettiva!
Solo così possiamo migliorare la nostra mountain bike, facendo in modo che ci calzi a pennello tra 4 mesi quando iniziano le gare.
I migliori (sempre con un occhio al rapporto qualità/prezzo) componenti per mountain bike sono disponibili su Bike Direction e il catalogo si ingrandisce di giorno in giorno.

In ogni caso, qualsiasi sport alternativo scegliamo, pensiamo sempre a divertirci.
La preparazione MTB, così come ciascuno sport, non deve essere un obbligo. I modi per allenarsi correttamente sono tanti, sta solo a noi scegliere la maniera ideale per divertirsi e allo stesso tempo crescere fisicamente.

Le Marche: Amore Passione e Dedizione per il territorio.

La Colombaia offre  tour per appassionati di mountain bike e ciclisti nella splendida zona in bicicletta attorno al Parco della Rossa e Frasassi, Monte Catria, Monte Cucco al centro delle Marche.

 

Preparazione MTB in piscina
Foto: Roberto R. che si allena in piscina per dare il massimo in MTB

Se abbiamo poco tempo e dobbiamo rimanere vicino a casa, ottima alternativa è la piscina. Il nuoto permette di utilizzare la muscolatura del corpo al 100%, fattore fondamentale per tenere allenata anche la parte superiore dell’organismo, importantissima soprattutto in MTB. Pensate a quante volte sia in salita che in discesa l’avantreno va letteralmente “dominato” e serve la giusta forza e coordinazione.
Altra possibilità, considerando le corte giornate invernali, alla sera è quella di andare in palestra. Cerchiamo di evitare schede da body builder, meglio scegliere un percorso di tonificazione e resistenza. Non bisogna puntare solo alla “massa muscolare”, rischiamo poi di trovarci delle gambe “imballate” e dure da far girare quando risaliamo in sella.

L'importanza delle gambe nella preparazione MTB
L’esplosività delle gambe è fondamentale in salita

Estremamente importante è la trasformazione: al termine degli esercizi è sempre meglio fare una mezz’oretta di cyclette per “trasformare” le ripetizioni fatte, ad esempio sulla pressa, nel gesto della pedalata.

La preparazione MTB mentale

Non dimentichiamoci poi che non c’è solo il corpo da tenere allenato, ma anche la mente. Soprattutto nelle competizioni la giusta concentrazione e il sapersi gestire hanno un ruolo fondamentale per potersi esprimere al meglio ed essere performanti sino alla fine della gara.
Perché non pensare a un corso di yoga?

L’allenamento in officina, per noi e per la MTB

Nelle competizioni non è solo il corpo che può fare la differenza, ma anche la bicicletta, la nostra amata MTB. Approfittiamo allora di questo periodo di transizione per sistemare i guai meccanici, montare qualche componente nuovo cercando di alleggerire il peso della bici, ottimizzare la propria postura in sella cambiando alcuni componenti (come ad esempio l’inclinazione dell’attacco manubrio o la larghezza del manubrio stesso), una sella più confortevole ecc.
Oppure, finché non c’è l’assillo delle gare possiamo sperimentare nuovi componenti, come per esempio la trasmissione monocorona, XX1 oppure X01 per citare due nomi su tutti.
Al di là di quello che sentiamo dire o leggiamo sui giornali è estremamente importante testare di persona, ogni modifica è soggettiva!
Solo così possiamo migliorare la nostra mountain bike, facendo in modo che ci calzi a pennello tra 4 mesi quando iniziano le gare.
I migliori (sempre con un occhio al rapporto qualità/prezzo) componenti per mountain bike sono disponibili su Bike Direction e il catalogo si ingrandisce di giorno in giorno.

In ogni caso, qualsiasi sport alternativo scegliamo, pensiamo sempre a divertirci.
La preparazione MTB, così come ciascuno sport, non deve essere un obbligo. I modi per allenarsi correttamente sono tanti, sta solo a noi scegliere la maniera ideale per divertirsi e allo stesso tempo crescere fisicamente.

Le Marche: Amore Passione e Dedizione per il territorio.

La Colombaia offre  tour per appassionati di mountain bike e ciclisti nella splendida zona in bicicletta attorno al Parco della Rossa e Frasassi, Monte Catria, Monte Cucco al centro delle Marche.

 

Preparazione MTB in piscina
Foto: Roberto R. che si allena in piscina per dare il massimo in MTB

Se abbiamo poco tempo e dobbiamo rimanere vicino a casa, ottima alternativa è la piscina. Il nuoto permette di utilizzare la muscolatura del corpo al 100%, fattore fondamentale per tenere allenata anche la parte superiore dell’organismo, importantissima soprattutto in MTB. Pensate a quante volte sia in salita che in discesa l’avantreno va letteralmente “dominato” e serve la giusta forza e coordinazione.
Altra possibilità, considerando le corte giornate invernali, alla sera è quella di andare in palestra. Cerchiamo di evitare schede da body builder, meglio scegliere un percorso di tonificazione e resistenza. Non bisogna puntare solo alla “massa muscolare”, rischiamo poi di trovarci delle gambe “imballate” e dure da far girare quando risaliamo in sella.

L'importanza delle gambe nella preparazione MTB
L’esplosività delle gambe è fondamentale in salita

Estremamente importante è la trasformazione: al termine degli esercizi è sempre meglio fare una mezz’oretta di cyclette per “trasformare” le ripetizioni fatte, ad esempio sulla pressa, nel gesto della pedalata.

La preparazione MTB mentale

Non dimentichiamoci poi che non c’è solo il corpo da tenere allenato, ma anche la mente. Soprattutto nelle competizioni la giusta concentrazione e il sapersi gestire hanno un ruolo fondamentale per potersi esprimere al meglio ed essere performanti sino alla fine della gara.
Perché non pensare a un corso di yoga?

L’allenamento in officina, per noi e per la MTB

Nelle competizioni non è solo il corpo che può fare la differenza, ma anche la bicicletta, la nostra amata MTB. Approfittiamo allora di questo periodo di transizione per sistemare i guai meccanici, montare qualche componente nuovo cercando di alleggerire il peso della bici, ottimizzare la propria postura in sella cambiando alcuni componenti (come ad esempio l’inclinazione dell’attacco manubrio o la larghezza del manubrio stesso), una sella più confortevole ecc.
Oppure, finché non c’è l’assillo delle gare possiamo sperimentare nuovi componenti, come per esempio la trasmissione monocorona, XX1 oppure X01 per citare due nomi su tutti.
Al di là di quello che sentiamo dire o leggiamo sui giornali è estremamente importante testare di persona, ogni modifica è soggettiva!
Solo così possiamo migliorare la nostra mountain bike, facendo in modo che ci calzi a pennello tra 4 mesi quando iniziano le gare.
I migliori (sempre con un occhio al rapporto qualità/prezzo) componenti per mountain bike sono disponibili su Bike Direction e il catalogo si ingrandisce di giorno in giorno.

In ogni caso, qualsiasi sport alternativo scegliamo, pensiamo sempre a divertirci.
La preparazione MTB, così come ciascuno sport, non deve essere un obbligo. I modi per allenarsi correttamente sono tanti, sta solo a noi scegliere la maniera ideale per divertirsi e allo stesso tempo crescere fisicamente.

Le Marche: Amore Passione e Dedizione per il territorio.

La Colombaia offre  tour per appassionati di mountain bike e ciclisti nella splendida zona in bicicletta attorno al Parco della Rossa e Frasassi, Monte Catria, Monte Cucco al centro delle Marche.

 

Preparazione MTB in piscina
Foto: Roberto R. che si allena in piscina per dare il massimo in MTB

Se abbiamo poco tempo e dobbiamo rimanere vicino a casa, ottima alternativa è la piscina. Il nuoto permette di utilizzare la muscolatura del corpo al 100%, fattore fondamentale per tenere allenata anche la parte superiore dell’organismo, importantissima soprattutto in MTB. Pensate a quante volte sia in salita che in discesa l’avantreno va letteralmente “dominato” e serve la giusta forza e coordinazione.
Altra possibilità, considerando le corte giornate invernali, alla sera è quella di andare in palestra. Cerchiamo di evitare schede da body builder, meglio scegliere un percorso di tonificazione e resistenza. Non bisogna puntare solo alla “massa muscolare”, rischiamo poi di trovarci delle gambe “imballate” e dure da far girare quando risaliamo in sella.

L'importanza delle gambe nella preparazione MTB
L’esplosività delle gambe è fondamentale in salita

Estremamente importante è la trasformazione: al termine degli esercizi è sempre meglio fare una mezz’oretta di cyclette per “trasformare” le ripetizioni fatte, ad esempio sulla pressa, nel gesto della pedalata.

La preparazione MTB mentale

Non dimentichiamoci poi che non c’è solo il corpo da tenere allenato, ma anche la mente. Soprattutto nelle competizioni la giusta concentrazione e il sapersi gestire hanno un ruolo fondamentale per potersi esprimere al meglio ed essere performanti sino alla fine della gara.
Perché non pensare a un corso di yoga?

L’allenamento in officina, per noi e per la MTB

Nelle competizioni non è solo il corpo che può fare la differenza, ma anche la bicicletta, la nostra amata MTB. Approfittiamo allora di questo periodo di transizione per sistemare i guai meccanici, montare qualche componente nuovo cercando di alleggerire il peso della bici, ottimizzare la propria postura in sella cambiando alcuni componenti (come ad esempio l’inclinazione dell’attacco manubrio o la larghezza del manubrio stesso), una sella più confortevole ecc.
Oppure, finché non c’è l’assillo delle gare possiamo sperimentare nuovi componenti, come per esempio la trasmissione monocorona, XX1 oppure X01 per citare due nomi su tutti.
Al di là di quello che sentiamo dire o leggiamo sui giornali è estremamente importante testare di persona, ogni modifica è soggettiva!
Solo così possiamo migliorare la nostra mountain bike, facendo in modo che ci calzi a pennello tra 4 mesi quando iniziano le gare.
I migliori (sempre con un occhio al rapporto qualità/prezzo) componenti per mountain bike sono disponibili su Bike Direction e il catalogo si ingrandisce di giorno in giorno.

In ogni caso, qualsiasi sport alternativo scegliamo, pensiamo sempre a divertirci.
La preparazione MTB, così come ciascuno sport, non deve essere un obbligo. I modi per allenarsi correttamente sono tanti, sta solo a noi scegliere la maniera ideale per divertirsi e allo stesso tempo crescere fisicamente.

Le Marche: Amore Passione e Dedizione per il territorio.

La Colombaia offre  tour per appassionati di mountain bike e ciclisti nella splendida zona in bicicletta attorno al Parco della Rossa e Frasassi, Monte Catria, Monte Cucco al centro delle Marche.

 

Preparazione MTB in piscina
Foto: Roberto R. che si allena in piscina per dare il massimo in MTB

Se abbiamo poco tempo e dobbiamo rimanere vicino a casa, ottima alternativa è la piscina. Il nuoto permette di utilizzare la muscolatura del corpo al 100%, fattore fondamentale per tenere allenata anche la parte superiore dell’organismo, importantissima soprattutto in MTB. Pensate a quante volte sia in salita che in discesa l’avantreno va letteralmente “dominato” e serve la giusta forza e coordinazione.
Altra possibilità, considerando le corte giornate invernali, alla sera è quella di andare in palestra. Cerchiamo di evitare schede da body builder, meglio scegliere un percorso di tonificazione e resistenza. Non bisogna puntare solo alla “massa muscolare”, rischiamo poi di trovarci delle gambe “imballate” e dure da far girare quando risaliamo in sella.

L'importanza delle gambe nella preparazione MTB
L’esplosività delle gambe è fondamentale in salita

Estremamente importante è la trasformazione: al termine degli esercizi è sempre meglio fare una mezz’oretta di cyclette per “trasformare” le ripetizioni fatte, ad esempio sulla pressa, nel gesto della pedalata.

La preparazione MTB mentale

Non dimentichiamoci poi che non c’è solo il corpo da tenere allenato, ma anche la mente. Soprattutto nelle competizioni la giusta concentrazione e il sapersi gestire hanno un ruolo fondamentale per potersi esprimere al meglio ed essere performanti sino alla fine della gara.
Perché non pensare a un corso di yoga?

L’allenamento in officina, per noi e per la MTB

Nelle competizioni non è solo il corpo che può fare la differenza, ma anche la bicicletta, la nostra amata MTB. Approfittiamo allora di questo periodo di transizione per sistemare i guai meccanici, montare qualche componente nuovo cercando di alleggerire il peso della bici, ottimizzare la propria postura in sella cambiando alcuni componenti (come ad esempio l’inclinazione dell’attacco manubrio o la larghezza del manubrio stesso), una sella più confortevole ecc.
Oppure, finché non c’è l’assillo delle gare possiamo sperimentare nuovi componenti, come per esempio la trasmissione monocorona, XX1 oppure X01 per citare due nomi su tutti.
Al di là di quello che sentiamo dire o leggiamo sui giornali è estremamente importante testare di persona, ogni modifica è soggettiva!
Solo così possiamo migliorare la nostra mountain bike, facendo in modo che ci calzi a pennello tra 4 mesi quando iniziano le gare.
I migliori (sempre con un occhio al rapporto qualità/prezzo) componenti per mountain bike sono disponibili su Bike Direction e il catalogo si ingrandisce di giorno in giorno.

In ogni caso, qualsiasi sport alternativo scegliamo, pensiamo sempre a divertirci.
La preparazione MTB, così come ciascuno sport, non deve essere un obbligo. I modi per allenarsi correttamente sono tanti, sta solo a noi scegliere la maniera ideale per divertirsi e allo stesso tempo crescere fisicamente.

Le Marche: Amore Passione e Dedizione per il territorio.

La Colombaia offre  tour per appassionati di mountain bike e ciclisti nella splendida zona in bicicletta attorno al Parco della Rossa e Frasassi, Monte Catria, Monte Cucco al centro delle Marche.

 

Preparazione MTB in piscina
Foto: Roberto R. che si allena in piscina per dare il massimo in MTB

Se abbiamo poco tempo e dobbiamo rimanere vicino a casa, ottima alternativa è la piscina. Il nuoto permette di utilizzare la muscolatura del corpo al 100%, fattore fondamentale per tenere allenata anche la parte superiore dell’organismo, importantissima soprattutto in MTB. Pensate a quante volte sia in salita che in discesa l’avantreno va letteralmente “dominato” e serve la giusta forza e coordinazione.
Altra possibilità, considerando le corte giornate invernali, alla sera è quella di andare in palestra. Cerchiamo di evitare schede da body builder, meglio scegliere un percorso di tonificazione e resistenza. Non bisogna puntare solo alla “massa muscolare”, rischiamo poi di trovarci delle gambe “imballate” e dure da far girare quando risaliamo in sella.

L'importanza delle gambe nella preparazione MTB
L’esplosività delle gambe è fondamentale in salita

Estremamente importante è la trasformazione: al termine degli esercizi è sempre meglio fare una mezz’oretta di cyclette per “trasformare” le ripetizioni fatte, ad esempio sulla pressa, nel gesto della pedalata.

La preparazione MTB mentale

Non dimentichiamoci poi che non c’è solo il corpo da tenere allenato, ma anche la mente. Soprattutto nelle competizioni la giusta concentrazione e il sapersi gestire hanno un ruolo fondamentale per potersi esprimere al meglio ed essere performanti sino alla fine della gara.
Perché non pensare a un corso di yoga?

L’allenamento in officina, per noi e per la MTB

Nelle competizioni non è solo il corpo che può fare la differenza, ma anche la bicicletta, la nostra amata MTB. Approfittiamo allora di questo periodo di transizione per sistemare i guai meccanici, montare qualche componente nuovo cercando di alleggerire il peso della bici, ottimizzare la propria postura in sella cambiando alcuni componenti (come ad esempio l’inclinazione dell’attacco manubrio o la larghezza del manubrio stesso), una sella più confortevole ecc.
Oppure, finché non c’è l’assillo delle gare possiamo sperimentare nuovi componenti, come per esempio la trasmissione monocorona, XX1 oppure X01 per citare due nomi su tutti.
Al di là di quello che sentiamo dire o leggiamo sui giornali è estremamente importante testare di persona, ogni modifica è soggettiva!
Solo così possiamo migliorare la nostra mountain bike, facendo in modo che ci calzi a pennello tra 4 mesi quando iniziano le gare.
I migliori (sempre con un occhio al rapporto qualità/prezzo) componenti per mountain bike sono disponibili su Bike Direction e il catalogo si ingrandisce di giorno in giorno.

In ogni caso, qualsiasi sport alternativo scegliamo, pensiamo sempre a divertirci.
La preparazione MTB, così come ciascuno sport, non deve essere un obbligo. I modi per allenarsi correttamente sono tanti, sta solo a noi scegliere la maniera ideale per divertirsi e allo stesso tempo crescere fisicamente.

Le Marche: Amore Passione e Dedizione per il territorio.

La Colombaia offre  tour per appassionati di mountain bike e ciclisti nella splendida zona in bicicletta attorno al Parco della Rossa e Frasassi, Monte Catria, Monte Cucco al centro delle Marche.

 

Preparazione MTB in piscina
Foto: Roberto R. che si allena in piscina per dare il massimo in MTB

Se abbiamo poco tempo e dobbiamo rimanere vicino a casa, ottima alternativa è la piscina. Il nuoto permette di utilizzare la muscolatura del corpo al 100%, fattore fondamentale per tenere allenata anche la parte superiore dell’organismo, importantissima soprattutto in MTB. Pensate a quante volte sia in salita che in discesa l’avantreno va letteralmente “dominato” e serve la giusta forza e coordinazione.
Altra possibilità, considerando le corte giornate invernali, alla sera è quella di andare in palestra. Cerchiamo di evitare schede da body builder, meglio scegliere un percorso di tonificazione e resistenza. Non bisogna puntare solo alla “massa muscolare”, rischiamo poi di trovarci delle gambe “imballate” e dure da far girare quando risaliamo in sella.

L'importanza delle gambe nella preparazione MTB
L’esplosività delle gambe è fondamentale in salita

Estremamente importante è la trasformazione: al termine degli esercizi è sempre meglio fare una mezz’oretta di cyclette per “trasformare” le ripetizioni fatte, ad esempio sulla pressa, nel gesto della pedalata.

La preparazione MTB mentale

Non dimentichiamoci poi che non c’è solo il corpo da tenere allenato, ma anche la mente. Soprattutto nelle competizioni la giusta concentrazione e il sapersi gestire hanno un ruolo fondamentale per potersi esprimere al meglio ed essere performanti sino alla fine della gara.
Perché non pensare a un corso di yoga?

L’allenamento in officina, per noi e per la MTB

Nelle competizioni non è solo il corpo che può fare la differenza, ma anche la bicicletta, la nostra amata MTB. Approfittiamo allora di questo periodo di transizione per sistemare i guai meccanici, montare qualche componente nuovo cercando di alleggerire il peso della bici, ottimizzare la propria postura in sella cambiando alcuni componenti (come ad esempio l’inclinazione dell’attacco manubrio o la larghezza del manubrio stesso), una sella più confortevole ecc.
Oppure, finché non c’è l’assillo delle gare possiamo sperimentare nuovi componenti, come per esempio la trasmissione monocorona, XX1 oppure X01 per citare due nomi su tutti.
Al di là di quello che sentiamo dire o leggiamo sui giornali è estremamente importante testare di persona, ogni modifica è soggettiva!
Solo così possiamo migliorare la nostra mountain bike, facendo in modo che ci calzi a pennello tra 4 mesi quando iniziano le gare.
I migliori (sempre con un occhio al rapporto qualità/prezzo) componenti per mountain bike sono disponibili su Bike Direction e il catalogo si ingrandisce di giorno in giorno.

In ogni caso, qualsiasi sport alternativo scegliamo, pensiamo sempre a divertirci.
La preparazione MTB, così come ciascuno sport, non deve essere un obbligo. I modi per allenarsi correttamente sono tanti, sta solo a noi scegliere la maniera ideale per divertirsi e allo stesso tempo crescere fisicamente.

Le Marche: Amore Passione e Dedizione per il territorio.

La Colombaia offre  tour per appassionati di mountain bike e ciclisti nella splendida zona in bicicletta attorno al Parco della Rossa e Frasassi, Monte Catria, Monte Cucco al centro delle Marche.

 

Preparazione MTB in piscina
Foto: Roberto R. che si allena in piscina per dare il massimo in MTB

Se abbiamo poco tempo e dobbiamo rimanere vicino a casa, ottima alternativa è la piscina. Il nuoto permette di utilizzare la muscolatura del corpo al 100%, fattore fondamentale per tenere allenata anche la parte superiore dell’organismo, importantissima soprattutto in MTB. Pensate a quante volte sia in salita che in discesa l’avantreno va letteralmente “dominato” e serve la giusta forza e coordinazione.
Altra possibilità, considerando le corte giornate invernali, alla sera è quella di andare in palestra. Cerchiamo di evitare schede da body builder, meglio scegliere un percorso di tonificazione e resistenza. Non bisogna puntare solo alla “massa muscolare”, rischiamo poi di trovarci delle gambe “imballate” e dure da far girare quando risaliamo in sella.

L'importanza delle gambe nella preparazione MTB
L’esplosività delle gambe è fondamentale in salita

Estremamente importante è la trasformazione: al termine degli esercizi è sempre meglio fare una mezz’oretta di cyclette per “trasformare” le ripetizioni fatte, ad esempio sulla pressa, nel gesto della pedalata.

La preparazione MTB mentale

Non dimentichiamoci poi che non c’è solo il corpo da tenere allenato, ma anche la mente. Soprattutto nelle competizioni la giusta concentrazione e il sapersi gestire hanno un ruolo fondamentale per potersi esprimere al meglio ed essere performanti sino alla fine della gara.
Perché non pensare a un corso di yoga?

L’allenamento in officina, per noi e per la MTB

Nelle competizioni non è solo il corpo che può fare la differenza, ma anche la bicicletta, la nostra amata MTB. Approfittiamo allora di questo periodo di transizione per sistemare i guai meccanici, montare qualche componente nuovo cercando di alleggerire il peso della bici, ottimizzare la propria postura in sella cambiando alcuni componenti (come ad esempio l’inclinazione dell’attacco manubrio o la larghezza del manubrio stesso), una sella più confortevole ecc.
Oppure, finché non c’è l’assillo delle gare possiamo sperimentare nuovi componenti, come per esempio la trasmissione monocorona, XX1 oppure X01 per citare due nomi su tutti.
Al di là di quello che sentiamo dire o leggiamo sui giornali è estremamente importante testare di persona, ogni modifica è soggettiva!
Solo così possiamo migliorare la nostra mountain bike, facendo in modo che ci calzi a pennello tra 4 mesi quando iniziano le gare.
I migliori (sempre con un occhio al rapporto qualità/prezzo) componenti per mountain bike sono disponibili su Bike Direction e il catalogo si ingrandisce di giorno in giorno.

In ogni caso, qualsiasi sport alternativo scegliamo, pensiamo sempre a divertirci.
La preparazione MTB, così come ciascuno sport, non deve essere un obbligo. I modi per allenarsi correttamente sono tanti, sta solo a noi scegliere la maniera ideale per divertirsi e allo stesso tempo crescere fisicamente.